Controllo delle gomme durante la revisione auto

Quando portiamo la vettura in revisione, uno dei controlli più importante riguarda lo stato delle gomme. Ma siamo veramente sicuri di conoscere cosa viene controllato, in modo da garantire la nostra sicurezza?
Ecco le verifiche che vengono condotte in un centro di revisione, che possiamo anche noi fare per evitare di essere bocciati e dover ripetere la revisione entro un mese.

Controllo della corrispondenza con la carta di circolazione.

Gli pneumatici che sono montati sul vostro veicolo, devono essere uguali a quanto riportato a carta di circolazione a pag. 3

E’ importante che le misure siano uguali (nel nostro esempio 225/45 R17) e che i codici 91 (Indice di Carico) e W (Codice di Velocità) siano uguali o superiori a quelli scritti sulla carta.

Fa eccezione la stagione invernale (dal 15 novembre al 15 aprile con un mese di tolleranza per il montaggio e lo smontaggio, quindi dal 15 ottobre al 15 maggio), dove il Codice di Velocità degli pneumatici invernali M+S, può essere declassato fino alla lettera Q (pari ad una V max 160 km/h)

Spessore del battistrada

Il limite legale di profondità del battistrada è pari a 1,6mm per le auto, 1mm per le moto e 0,5mm per i ciclomotori. Sotto questo spessore, il veicolo verrà bocciato e sarete costretti a ripetere la revisione entro un mese, dopo aver sostituito gli pneumatici. Un ausilio al controllo della profondità del battistrada ci viene dal TWI (Tread Wear Indicator), quella piccola tacca che si vede sul fondo dei canali del battistrada.

In caso del raggiungimento del limite di consumo (oppure anche in caso di raggiungimento del consumo del battistrada ritenuto pericoloso dal costruttore), l’analisi della gomma porta a vedere un risultato simile a quello in figura.

 

Inoltre, il controllo delle gomme che viene eseguito normalmente su almeno tre punti attraverso la larghezza del lo pneumatico e in tre diverse posizioni, per verificare il consumo regolare della stessa.

Stato dello pneumatico

Un altro controllo importante che viene eseguito riguarda lo stato dei fianchi dello pneumatico, che non devono presentare tagli, screpolature, rigonfiamenti, che ne vanno a pregiudicare le caratteristiche e potrebbero portare fino allo scoppio quando uno meno se lo aspetta, con grave pericolo per gli occupanti e per coloro che sono vicini al mezzo.

 

Ricordatevi che i difetti più insidiosi sono quelli posizionati sul fianco interno dello pneumatico, non riscontrabili solo dall’esame esterno, che richiedono di sollevare il veicolo sul ponte oppure portarlo in corrispondenza della fossa di ispezione.
Esigete pertanto, per la vostra sicurezza, che il Responsabile Tecnico alzi il veicolo sul ponte ed esegua i controlli del sotto scocca, che evidenziano lo stato dei componenti come le molle ed i bracci delle sospensioni, gli ammortizzatori, gli pneumatici.

Contattaci