Revisione dell’auto e tagliando: in cosa si differenziano e cosa prevedono


Controllo pneumatico: differenza tra revisione e tagliando

Revisione dell’auto e tagliando auto sono entrambe attività di verifica dello stato dell’automobile, utilissimi a tenerne sotto controllo lo stato di salute e spesso utili uno all’altro (è raro, infatti, che un’auto che ha appena eseguito il tagliando non passi la revisione). Ma sono anche sostanzialmente diversi.
La prima e fondamentale differenza è che la revisione è un obbligo di legge e il tagliando no.
Ma vediamoli nel dettaglio.

Il tagliando dell’auto: perché e quando farlo e cosa viene verificato

Il tagliando auto è richiesto dalle case automobilistiche al fine di mantenere l’autovettura in piena efficienza e di conservare la garanzia. Se non si effettuano i tagliandi così come specificato nel libretto della casa costruttrice questa ha il diritto di considerare decaduta la garanzia.

Le scadenze del tagliando variano da veicolo a veicolo e sono spesso espresse in chilometri. Generalmente il primo tagliando è previsto tra i 15mila chilometri e i 30mila. Alcune case automobilistiche indicano oltre alla percorrenza chilometrica, anche una scadenza temporale qualora l’auto sia poco usata.

I tagliandi, per essere validi ai fini della garanzia, possono essere eseguiti nei centri autorizzati dalle case automobilistiche o anche presso riparatori indipendenti a condizione che vengano effettuati nel rispetto delle procedure elencate nelle informazioni tecniche e che vengano utilizzati pezzi di ricambio originali o di qualità equivalente

Generalmente nei tagliandi auto vengono controllati (e sostituiti): olio motore e filtri, candele, cinghia, freni, luci, sospensioni, pneumatici e ogni altra cosa serva a mantenere in sicurezza la macchina e a riconsegnarla al cliente in perfetto stato di salute.
I costi dei tagliandi dipendono ovviamente da come sono tutti questi aspetti e quanti interventi sono necessari.

La revisione auto: come ottemperare agli obblighi di legge

la revisione auto, come abbiamo già detto, è un obbligo di legge, che prevede la verifica delle componenti di sicurezza e di inquinamento con cadenze regolari, generalmente ogni 2 anni dopo la prima che viene fatta a 4 anni dall’immatricolazione.

Esistono però diverse scadenze per diversi tipi di veicoli, è necessario conoscere le giuste scadenze per la propria tipologia.
Se non si esegue (e supera) la revisione si incorre in sanzioni, spesso molto gravi. È necessario eseguire la revisione entro la data di scadenza (altrimenti il mezzo non potrà circolare).

I costi della revisione sono fissi ed ammontano a 66,88 € se si esegue nei centri revisione autorizzati o a 45 € (+ 1,78€ per il corrispettivo di versamento) in caso di revisione fatta alla Motorizzazione Civile.

Sul nostro motore di ricerca è possibile trovare diversi centri revisione in ogni zona d’Italia.


Condividi

Contattaci